Fuori pericolo il bimbo che ha rischiato di annegare nella piscina di casa

E' fuori pericolo il bambino di un anno che ha rischiato di annegare in piscina a Miradolo Terme. Tutto è accaduto domenica pomeriggio, attorno alle due, in una villetta di via Del Nerone. Il papà e bimbo stanno passando un pomeriggio di relax in giardino, mentre la mamma del piccolo è in casa a sbrigare alcune faccende domestiche. L’uomo rientra in cucina solo per pochi secondi, per riporre alcuni piatti. A quel punto il piccolo sale sulla scaletta della piccola piscina presente in giardino, di quattro metri per due, e scivola all'interno. L'acqua è bassa, solo qualche decina di centimetri, ma il bimbo non riesce comunque ad uscirne. Quando il padre torna in giardino si accorge subito del pericolo e si precipita in piscina. Il piccolo viene sollevato e portato fuori dall'acqua, poi il papà gli pratica una prima rianimazione, riuscendo a liberargli i polmoni. Ad aiutarlo c'è anche una vicina di casa che lo assiste in quei drammatici momenti. La madre nel frattempo chiama il 118 e in via del Nerone arrivano due ambulanze e l'elisoccorso. Sarà proprio l'elicottero a trasportare d'urgenza, in codice rosso, il bimbo agli spedali civili di Brescia. Qui i medici concludono l'operazione di salvataggio e tengono il piccolo in osservazione per scongiurare danni permanenti. Una vicenda che poteva trasformarsi in tragedia, ma che per fortuna sembrerebbe essersi conclusa solo con un grosso spavento. I carabinieri della stazione di Miradolo hanno aperto un’inchiesta ma al momento non sono emerse responsabilità particolari da parte dei genitori.