• Pavia:

Arrestato il basista di Casteggio: informava i ladri dove andare a rubare

“Rientrate in Italia, c’è da andare a rubare in quella villa”. A parlare è Stefano Sozio, agente immobiliare casteggiano di 39 anni con la passione per la bella vita. All’altro capo del telefono alcuni pregiudicati romeni, temporaneamente rientrati in patria. Le intercettazioni dei carabinieri lasciano poco spazio ai dubbi, ma per gli abitanti di Casteggio la scoperta che dietro quel viso da bravo ragazzo che avevano fatto entrare in casa si nascondesse il basista di una associazione a delinquere composta da decine di pregiudicati resta quasi impossibile da credere. Eppure, secondo le indagini dei carabinieri, a dire ai ladri dove andare a rubare, quanto meno nella zona del casteggiano dove si sarebbero verificati oltre 100 furti in poco tempo, era proprio lui. Quell’insospettabile padre di famiglia, agente immobiliare rampante, con la Maserati fiammante, sempre in forma e col vestito griffato, campione italiano di ciclismo nella categoria del chilometro lanciato. Prima del suo arresto abitava in una bella villa con la moglie e una bambina in tenera età, in via Vigorelli, ed è lì che i carabinieri avrebbero trovato le prove del suo coinvolgimento. Gioielli rubati in zona appunto, che poi lui, socio del compro oro a fianco della sua agenzia immobiliare, riusciva senza problemi a smerciare o far sparire. Casteggio, e Mairano in particolare, la più bersagliata dai furti, è attonita.