• Pavia:

Incontro in Prefettura: servono 2,5 milioni di euro per San Michele

Il tavolo di lavoro avviato nelle scorse settimane dal prefetto è entrato nella sua fase operativa: per restaurare la basilica di San Michele sono necessari due milioni e mezzo di euro. E’ quanto emerso da un nuovo vertice che si è tenuto in piazza Guicciardi, coordinato dal Prefetto di Pavia Attilio Visconti. Si tratta di risorse ingenti per cui le istituzioni stanno cercando l’aiuto di tutti. La primissima riposta era arrivata dalla Fondazione Comunitaria che ha subito messo a disposizione centomila euro. E allo stesso modo i parrocchiani hanno fornito un il loro contributo raccogliendo altri ventimila euro. Aiuti importanti ma che evidentemente non bastano ad arrivare a coprire i due milioni e mezzo di euro necessari a sistemare e salvare la basilica.

Un patrimonio non solo per la città ma per tutta l’architettura romanica. Un tesoro che rischia di scomparire, schiacciato dal peso della sua storia millenaria. Nel frattempo, con i soldi dei parrocchiani si potranno realizzare almeno i lavori di somma urgenza per mettere in sicurezza la chiesa, in particolare i rivestimenti in arenaria. Grazie agli aiuti della Fondazione Comunitaria invece verrà messo in campo un progetto di riqualificazione di più ampia portata dal costo di centomila euro.

Altre realtà del capoluogo, come l’università, hanno inoltre dichiarato di voler fornire il proprio contributo. Ma l’appello della prefettura non si ferma di certo qui: serve l’aiuto di tutti per riuscire a salvare uno dei tesori più importanti della città.