• Pavia:

Sciopero dei professori universitari: disagi per gli studenti. Saltano le sessioni di laurea

I primi disagi sono stati segnalati lunedì, quando almeno un paio di sessioni d'esame sono saltate. Lo sciopero dei professori universitari entra nel vivo e a Pavia, come nel resto d'Italia, la protesta sta causando problemi soprattutto agli studenti. Nell'ateneo pavese ancora non è chiaro quanti professori abbiano aderito: l'Udu, il coordinamento per il diritto allo studio, ha provato a contattare tutti i docenti per conoscere le loro intenzioni, ma la maggior parte non ha risposto. Al momento, a quanto risulta, sarebbero circa 140 i professori che hanno sottoscritto un documento di adesione alla protesta. Lo sciopero è stato indetto per il mancato riconoscimento degli scatti stipendiali, ma anche per protestare contro la carenza di fondi e per chiedere la regolarizzazione dei precari. Richieste totalmente legittime, ma che rischiano di danneggiare soprattutto chi l'università la frequenta. Lo sciopero, iniziato il primo giugno, dovrebbe infatti terminare il 31 luglio, andato a toccare la fase clou della sessione estiva. Per molti studenti il rischio è di vedersi annullati diversi appelli, con conseguenti problemi anche per le richieste di borse di studio, che vanno presentate entro il 10 di agosto. Le associazioni studentesche si dicono vicine alle richieste dei professori, ma non condividono l’idea che, a farne le spese, siano proprio i ragazzi. A livello nazionale l'Udu ha presentato un esposto: un aiuto potrebbe arrivare dall'Autorità di garanzia che impone appelli straordinari a partire dal quattordicesimo giorno dopo lo sciopero.