Vigevano, una nuova casa di riposo nei piani della Multiservizi

Migliorano i conti della Multiservizi, l’azienda di proprietà del comune di Vigevano che gestisce farmacia comunale, casa di riposo e canile. Un risultato non scontato dato che, soprattutto per quanto riguarda la casa di riposo, le spese sono in aumento: al De Rodolfi nell’ultimo anno è più che raddoppiato il numero di pazienti non autosufficienti, e ciò ha comportato un aumento del 62% delle spese per l’acquisto di farmaci e del 60% delle spese infermieristiche. Il direttore della Multiservizi Andrea Deplano ha spiegato che si è risparmiato su aspetti considerati di minore importanza per tenere i conti in equilibrio. Se il comune ha messo nell’azienda anche quest’anno 1.670.000 euro, un piccolo aiuto alle risorse finanziare dell’azienda è arrivato dall’aumento degli introiti della farmacia comunale: nel 2017 il guadagno del punto vendita è stato di 182.000 euro, 26.000 euro in più rispetto al 2017. Altro puntello per le casse dell’ente è derivato dal profitto ricavato dall’esternalizzazione del centro anziani, servizio prima in perdita. Per il prossimo futuro si punta a consolidare prestazioni e bilancio del canile mediante l’accreditamento da parte di Ats a centro unico di sterilizzazione per l’intera Lomellina. Il core business della Multiservizi, comunque, rimane la casa di riposo. L’attuale sede, realizzata nel 1908, si adegua a fatica ai nuovi standard assistenziali, tanto che l’amministrazione sta pensando di realizzarne una nuova. Una nuova sede, quindi, sarebbe più efficiente, ma il numero di posti letto potrebbe aumentare solo di poco. Dalla minoranza, però, il PD invita ad andare avanti con il progetto.