• Pavia:

“Ho visto una sagoma che mi veniva addosso e ho sparato”: le parole del camionista di Casteggio

Non ho mirato, ho visto solo una sagoma che mi veniva addosso e ho sparato. Non volevo uccidere, volevo solo difendermi. Così Antonio Bonfiglio, il camionista di Casteggio che ferì un ladro che si era introdotto nella sua proprietà. L’altra sera a Torricella Verzate l’autotrasportatore 56enne è stato ospite d’onore assieme al suo legale Luca Angeleri di una serata dedicata alla sicurezza a cui hanno preso parte un centinaio di persone, organizzata dal circolo locale della Lega e dall’esponente di Forza Italia Salvatore Seggio, il consigliere comunale di Casteggio in aperta polemica con il sindaco della cittadina Lorenzo Callegari, che avrebbe negato di mettere a disposizione gratuitamente una sala pubblica tra quelle del Comune per l’evento. Ma al di là delle polemiche interne al consiglio di Casteggio sulla concessione di una sala e su quello che un piccolo municipio pùò effettivamente fare per affrontare un problema così complesso, l’attenzione e la solidarietà dei presenti era rivolta proprio al camionista che dovrà rispondere di lesioni e eccesso colposo di legittima difesa, un percorso giudiziario inevitabile, ha spiegato il legale Luca Angeleri.