• Pavia:

L’avvocato del giovane ucciso in Messico: “Non stava facendo attività illecite”

Alberto Villani non stava svolgendo alcuna attività illecita durante il suo soggiorno in Messico, dov’è stato ucciso il 20 marzo scorso. Così Marco Ventura, avvocato difensore del broker 37enne residente a Pavia il cui corpo senza vita è stato trovato a tlaltizapan, a un centinaio di chilometri dalla capitale, con due colpi di pistola alla testa e un cartello con una frase inquientante che recitava all’incirca: questo mi è successo perché sono un ladro. Il legale ingaggiato dalla compagna di Villani ha precisato inoltre che né in Italia né in Messico risultano precedenti penali a carico dell’intermediario finanziario, come invece sostenuto dalla procura messicana.  La compagna 28enne di Villani e madre dei suoi due bimbi in tenerissima età Astrid Rodriguze al momento sarebbe stata coinvolta solo nelle attività di riconoscimento del cadavere, svolto a distanza attraverso il riconoscimento di alcuni tatuaggi. Nei prossimi giorni potrebbe essere sentita nuovamente in questura a pavia. Per il resto le indagini della procura di Morelos proseguono nel più stretto riserbo.