• Pavia:

Broni, apre il nuovo sportello amianto

Il nuovo sportello amianto di Broni, aprirà i battenti mercoledì pomeriggio con una novità importante da comunicare agli utenti: il fondo nazionale per le vittime dell’amianto da 28milioni di euro, resterà utilizzabile anche per il risarcimento di coloro che si sono ammalati ma al di fuori dell’attività lavorativa. Ne ha dato notizia l’associazione Avani, che insieme ad Aiea e al comune gestisce lo sportello presso il municipio di Broni. La comunicazione ufficiale arriva invece dal ministero dell’economia. Il presidente Mingrino ha parlato di un risultato positivo, raggiunto grazie al lavoro delle senatrici Puppato e Fabbri che hanno dato seguito all’impegno di tutte le associazioni del coordinamento nazionale amianto. Ora – ha spiegato Mingrino – va ridiscussa la somma disponibile per ogni mesotelioma pleurico, il tumore maligno dell’amianto, che oggi è pari a 5600 euro. In considerazione dell’entità del fondo – spiega ancora Avani – questa misera cifra va rivista. L’opportunità di accedere al fondo per i malati non professionali è ora garantira fino alla fine del 2020. Nella nota diffusa nelle scorse ore l’associazione ha inoltre ringraziato pubblicamente diversi sindaci del territorio, da Broni a Santa Giuletta fino a Portalbera, per l’impegno nella lotta contro l’amianto.