• Pavia:

Voghera, gli ausiliari della sosta vigileranno su pulizia e igiene urbana

Si è avvalso della facoltà di non rispondere Marcello Ciabatta, l'agricoltore di 79 anni accusato di tentato omicidio per aver sparato con un fucile contro un collaboratore, Massimiliano Fraschiroli, 48 anni, la scorsa settimana. Il 79enne rimane al momento in carcere, anche se il suo avvocato difensore ha chiesto che l'arresto non venga convalidato, perché mancherebbero i presupposti della flagranza: il legale ha fatto dunque richiesta che l'agricoltore venga scarcerato o messo ai domiciliari, richiesta su cui il giudice dell'indagine preliminare si è riservato di decidere. L'intera vicenda era iniziata attorno alle sei di mattina dell'8 febbraio scorso, a Miradolo Terme, quando Ciabatta, al termine di una discussione, aveva imbracciato un fucile da caccia e aveva sparato in faccia al 48enne. L'epilogo di una vecchia storia nata per un piccolo allevamento di cavalli che è stato costruito sul podere di Ciabatta. I proprietari degli animali erano intenzionati ad acquistare il terreno ma non riuscivano ad accordarsi sul prezzo. E Massimiliano Fraschiroli sarebbe rimasto coinvolto perché accudiva i cavalli e lavorava anche per l'agricoltore, che lo ospitava in casa sua. Come sia nato il litigio ancora non è chiaro, ma dopo la sparatoria Fraschiroli era fuggito a piedi ed era riuscito a raggiungere una villetta in via Andronio, i cui proprietari avevano chiamato il 118. I carabinieri si erano subito messi alla ricerca di Ciabatta che però, nel frattempo, era fuggito a bordo della sua auto. I militari lo avevano fermato otto ore dopo, mentre stava rientrando a casa. L'arma usata per sparare non è ancora stata trovata e non si esclude che il 79enne possa averla abbandonata nelle campagne attorno a Miradolo. Nella sua abitazione erano poi state trovate altre armi e munizioni, non denunciate. Dopo l'arresto Ciabatta era stato trasferito nel carcere di Torre del Gallo, dove ora attende la decisione del giudice su un'eventuale scarcerazione.