• Pavia:

Faldini (Gruppo Misto): “I soldi ai Sinti per far lavorare le cooperative”. Polemica a Pavia

“Chiederò accesso agli atti per capire come vengono spesi i soldi pubblici. Poco meno di tremila euro per un progetto di educazione musicale tenuto da una cooperativa, la solita cooperativa. Questa volta dovrebbe arrivare da Milano”. Una richiesta di accesso agli atti per chiedere spiegazioni all’amministrazione comunale. Il consigliere del gruppo misto Rodolfo Faldini vuole vederci chiaro sul contributo che il Mezzabarba erogherà per un corso di musica presso la comunità sinti del capoluogo. Poco meno di tremila euro per finanziare il progetto educativo proposto dalla cooperativa sociale Romano Drom di Milano, nell’ambito del tavolo tecnico permanente avviato lo scorso mese di marzo.

Un progetto che già alla sua partenza aveva fatto discutere e non poco: basti ricordare la promozione del tutor per aiutare le famiglie a lasciare i campi di piazzale Europa e via Bramante e i processi di integrazione applicati in diversi ambiti: percorsi di accompagnamento nel mondo del lavoro e borse di studio per gli studenti meritevoli. Azioni che fanno parte di un’iniziativa di più ampio respiro, ovvero il Piano d’azione locale per l’inclusione di rom, sinti e caminanti presenti a Pavia approvato dal comune nel dicembre del 2016.

L’ultima iniziativa messa in campo, il corso di educazione musicale da realizzare con una cooperativa milanese. Un progetto che non convince affatto l’opposizione di centrodestra. “Non ho capito con quali finalità educative si spendono nuovamente nel campo nomadi questi soldi, a favore di un progetto di educazione musicale che dovrebbe essere offerto ai più piccoli. Non voglio arrivare a conclusioni scontate ma mi sembra più una maniera per far lavorare la cooperativa piuttosto che per avere la possibilità di crescere dei talenti” il commento del consigliere comunale del Gruppo misto.