Lercio a Pavia, quando la bufala diventa letteratura