• Pavia:

Archivi categoria : Attualità

Ferrera, in esclusiva i primi lavori alla discarica di cemento amianto

Sono iniziati con la posa del primo strato di argilla i lavori alla discarica di cemento amianto di Ferrera Erbognone. I lavori termineranno con i primi giorni del 2019; le prime lastre arriveranno a primavera prossima. Abbiamo intervistato Francesco Minghetti, legale rappresentante di Acta.

Autoguidovie scrive alle scuole per soddisfare le esigenze degli studenti

Nuovi orari e tragitti: dal prossimo mese di settembre è in arrivo una rivoluzione del trasporto pubblico locale. Autoguidovie, che gestisce il servizio dallo scorso primo di aprile, ha inviato una lettera a tutti gli istituti scolastici del capoluogo per poter mappare la città. Un censimento degli studenti pavesi per studiare completamente il servizio e renderlo operativo con l’inizio del nuovo anno. Per questo motivo sono state contattate non solo le scuole del capoluogo ma anche quelle della provincia. L’azienda ha richiesto ai dirigenti scolastici gli orari delle lezioni e il numero preciso degli studenti iscritti per ogni comune di residenza in modo tale da risolvere le principali ciriticità evidenziate a più riprese negli ultimi tempi. Le fasce orarie considerate più delicate sono quelle mattutine, dalle 7 alle 8:30, e dalle 12 alle 14. Corse in ritardo, mezzi sovraffollati sono solo alcuni dei problemi che Autoguidovie intende risolvere a breve termine. Ma per fare questo è necessaria la collaborazione attiva di tutte le scuole. I dati saranno raccolti ed elaborati durante l’estate. Ma anche le famiglie potranno contribuire con le loro segnalazioni da girare direttamente ad Autoguidovie. Sui nuovi bus del capoluogo infine saranno posizionati dei conta accessi per capire quante persone salgono e scendono dai mezzi ad ogni singola fermata. Un dettaglio in più per conoscere le linee maggiormente utilizzate.

Fanghi, vicina la svolta salva-depuratori. Il decreto passa a Roma

Siamo vicini al punto di svolta nella situazione di emergenza che ha coinvolto i depuratori della Lombardia dopo la sentenza del Tar sui fanghi. Essendo caduta, per decisione del tribunale amministrativo che ha accolto il ricorso dei comuni pavesi e lodigiani, la normativa regionale che regolava l’utilizzo dei fanghi in agricoltura, questi sono rimasti ad accumularsi nei depuratori, che stanno ormai finendo l’autonomia. Oggi l’assessore regionale all’Ambiente Raffaele Cattaneo è stato a Roma per partecipare alla conferenza Stato-regioni alla presenza del ministro Stefani, durante la quale si è affrontato il problema: il governo si è impegnato a intervenire con un decreto urgente che possa ridare una regolamentazione al settore e permettere così il ritiro dei fanghi accumulati nei depuratori.

Vigevano, piazza Sant’Ambrogio: spunta il cartello incomprensibile e primi disagi

Se ieri prevaleva l’entusiasmo per aver visto partire i lavori per il rifacimento di piazza Sant’Ambrogio, oggi Vigevano ha dovuto fare i conti con le modifiche alla viabilità, e sono nati i primi problemi. Le difficoltà maggiori sono toccate ai commercianti, con auto e furgoni che non potevano accedere ai negozi per scaricare la merce. Colti di sorpresa, nonostante l’intervento fosse annunciato da tempo, anche gli automobilisti, che non solo hanno dovuto rinunciare ai parcheggi ma sono stati costretti a ricorrere a percorsi alternativi. Il nodo più problematico è l’incrocio del Regina Margherita, con le auto provenienti dal teatro Cagnoni impossibilitate a svoltare a destra. Qualche piccola coda si è formata, soprattutto perché in molti si sono fermati a chiedere informazioni ai vigili che in questi primi giorni di cantiere stanno presidiando continuamente la zona. Un piccolo giallo, invece, riguarda uno dei cartelli disposti dall’impresa incaricata dei lavori: un segnale stradale simile a quello che indica una rotatoria, ma con le frecce al contrario e un’indicazione un po’ strana. “Senso unico di marcia antiorario in piazza Sant’Ambrogio nella corsia esterna dell’area di parcheggio”. Abbiamo chiesto in un’autoscuola, e ci hanno risposto che un cartello così non esiste. In una situazione come l’attuale piazza Sant’Ambrogio, al massimo, si sarebbe potuto adattare questo cartello, svolta indiretta a sinistra, dove si indica il percorso in cui muoversi. Gli addetti fanno sapere che quando saranno ultimate le strisce di cantiere per terra sarà tutto più chiaro, certo è che per adesso regna una gran confusione. Per fortuna siamo ad agosto e in città circola poca gente…

La nuova frontiera dei fanghi: saranno smaltiti negli inceneritori

In questi giorni, i più torridi dell’anno, le temperature negli uffici dell’assessorato regionale all’ambiente sono ancora più alte di quelle registrate sotto al sole a mezzogiorno. Si susseguono, infatti, febbrili, i lavori e gli incontri per risolvere l’emergenza depuratori che sta andandosi a delineare dopo la sentenza del Tar con cui si annulla gran parte…
Per saperne di più

Pavia, trovato uno spartito musicale del 1100

La pergamena è stata trovata da una restauratrice che lavorava su un volume del 1628 custodito nella biblioteca Universitaria di Pavia. Il foglio si è poi rivelato essere un antifonario del 1100, uno dei più antichi spartiti musicali mai scoperti. Il documento composito, oltre alle iscrizioni, contiene minutissime notazioni di musica medievale.

Altro no alla Broni-Mortara. Il Tar: è legittima la bocciatura del Ministero

Il ministero aveva piena competenza quando ha bocciato l’autostrada broni mortara per una valutazione di impatto ambientale insufficiente. Lo ha stabilito il Tar della Lombardia, che con una sentenza di 40 pagine, ha respinto il ricorso della regione che puntava a ribaltare il no di Roma. L’opera, un tempo ritenuta fondamentale dal territorio e poi, al contrario, inutile e se non addirittura dannosa per l’ambiente, il cui primo progetto risale ormai a 18 anni fa, vede dunque cadere un altro macigno sul suo sempre pi difficile percorso di attuazione. Ora, per regione lombardia, o meglio, per la società controllata infrastrutture lombarde, si aprono due possibilità. La prima: la regione accetta il verdetto e chiede alla società Sabrom (società autostrada broni mortara) di rifare la valutazione di impatto ambientale. Costo stimato, altri 40 milioni di euro. La seconda: la regione impugna la sentenza e va dritta al consiglio di stato. In entrambi i casi, potrebbero passare altri anni.

Tre municipi si uniscono in Oltrepò: nasce il comune di Colli Verdi

Colli Verdi. Il nuovo comune dell’Oltrepo montano che riunirà Valverde, Ruino e Canevino si chiamerà così. Il referendum indetto dalle tre amministrazioni per avere il via libera dei cittadini alla fusione si è concluso con 403 voti a favore e 78 contrari. Così si avvia ufficialmente l’iter che dovrebbe vedere la soppressione degli attuali tre…
Per saperne di più