• Pavia:

Garlasco, chiuso il bar teatro di un omicidio

Il Questore ha deciso di chiudere per 10 giorni, fino al 21 gennaio, il “Nuovo Ciccio’s bar” di Garlasco, in piazza Unità d’Italia, teatro di uno dei più gravi crimini commessi negli ultimi anni in provincia di Pavia. Qui il 10 luglio dello scorso anno morì Jader Sgherbini, ucciso da un colpo di pistola a bruciapelo dopo una lite per questioni di denaro. Un omicidio per il quale venne immediatamente arrestato Massimo Piazza, inchiodato da un video ripreso dalle telecamere di videosorveglianza del bar. La lite che portò all’omicidio iniziò proprio nel locale. Dopo l’assassinio di Sgherbini il “Nuovo Ciccio’s bar” finì ancora al centro delle cronache. A dicembre due episodi, entrambi verificati dai carabinieri, che hanno portato all’odierna decisione del questore. Dapprima una rissa, con il ferimento di tre persone, e poi l’arresto di un pregiudicato trovato in possesso di 7 chili di droga. Ad aggravare la situazione le numerose segnalazioni dei carabinieri per le cattive frequentazioni: spesso, infatti, sono stati trovati nel locale dei pregiudicati. La squadra amministrativa della questura ha quindi provveduto alla notifica della sospensione della licenza per dieci giorni, che deve però suonare anche come un avvertimento: in una nota, infatti, le forze dell’ordine specificano che qualora gli episodi censurabili non dovessero cessare, è possibile arrivare alla revoca della licenza, con conseguente chiusura definitiva.