• Pavia:

Terre d’Oltrepò, la lista Giorgi vince: guiderà la cantina per 3 anni

La lista del presidente uscente Andrea Giorgi ha vinto con un larga maggioranza le elezioni della cantina Terre d’Oltrepo, aggiudicandosi tutti e 11 i posti in consiglio. La lunga giornata dell’assemblea, iniziata alle 14.30 nella sede di Santa Maria della Versa con l’approvazione del bilancio, ha visto una buona affluenza. Gli agricoltori presenti erano circa 350 molti dei quali avevano delega al voto per altri soci: i votanti effettivi hanno quindi superato quota 500 su un totale di circa 700. Lo spoglio delle schede si è concluso solo in tarda serata, attorno a mezzanotte, ma già a metà dello scrutinio è apparso chiaro che il divario tra la lista di Giorgi appoggiata da Coldiretti e quella del vicepresidente uscente Mazzocchi appoggiata da Cia e Confagricoltura era praticamente incolmabile. Va comunque sottolineato che, al di là degli appoggi espliciti delle organizzazioni agricole, in entrambi gli schieramenti c’erano rappresentanti praticamente di tutte e tre le principali associazioni.

Il più votato è stato proprio Giorgi con 288 preferenze, seguito dal casteggiano Marco Forlino con 270. A seguire gli altri 9 della stessa cordata che ottenuto tutti oltre 200 preferenze. Sconfitta pesante dunque per gli sfidanti, il cui candidato più votato è stato Angelino Mazzocchi con 149 preferenze seguito a ruota da Michele Cignoli con 139 e da Stefano Cerutti con 130. I posti in consiglio, 11 e non più 18 come stabilito nel corso dell’assemblea di giovedì, sono stati quindi assegnati alla compagine guidata da Andrea Giorgi. La nomina del presidente e del suo vice sarà definita formalmente nel corso del primo cda, ma è molto probabile che sarà proprio Giorgi a mantenere la carica apicale. Il consiglio resterà in funzione per la durata di tre anni.