• Pavia:

Primo tavolo per l’ambiente lomellino: i sindaci vogliono nuovi controlli sull’aria

Polizia Provinciale e Guardie Ecologiche devono essere coinvolte nei controlli, con la facoltà di entrare nelle aziende che trattano rifiuti e vedere da vicino il loro operato. È questa la principale richiesta scaturita dalla prima riunione del tavolo intercomunale per l’ambiente, tenutasi a Mortara. Erano presenti una ventina di sindaci lomellini, che hanno preparato una relazione da inviare alla commissione ambiente del Senato. All’interno si trova una cronistoria degli eventi degli ultimi mesi, con il dettaglio dell’ultimo episodio, l’incendio alla eredi Berté. I sindaci, quindi, danno un suggerimento preciso su chi potrebbe essere individuato quale autore della vigilanza, dato che la legge non permette ai comuni di intervenire. Nella relazione che si sta redigendo, inoltre, si torna a bussare alle porte della Regione per chiedere investimenti volti a rafforzare l’organico dell’Arpa e delle Province, in modo che si possano intensificare i controlli. I comuni, infine, stanno predisponendo una sorta di cordata per raggranellare i fondi necessari per un’analisi straordinaria della qualità dell’aria da commissionare ad Arpa e Ats, con l’obiettivo di avere un chiaro quadro della presenza di eventuali inquinanti e poter così agire sull’analisi delle fonti. Il documento finale, che in questi giorni sarà ultimato con l’apporto di tutti i sindaci coinvolti, verrà presentato dal primo cittadino di Mortara Marco Facchinotti a Roma, in occasione dell’audizione alla commissione ambiente del Senato dedicata all’incendio alla Eredi Berté.