• Pavia:

Cavalcavia Lamarmora, i lavori riprendono a novembre. Ci saranno delle demolizioni.

È stato approvato nel pomeriggio dalla giunta comunale di Vigevano il progetto per la seconda parte dei lavori al cavalcavia Lamarmora. Il nuovo cantiere interesserà la campata Ovest, dopo che all’inizio dell’estate erano terminati gli interventi sulla parte Est. Le progettazioni presentate dai tecnici hanno tenuto conto dei problemi riscontrati lo scorso anno, in particolare della scoperta che il cavalcavia non era stato costruito seguendo lo schema originario, con conseguenti problemi all’innesto tra i piloni e l’impalcato. Per questo motivo si è deciso di effettuare una parziale demolizione: l’impalcato, ossia la parte orizzontale, quella dove passano le auto per intenderci, verrà distrutta e ricostruita. Del cavalcavia, insomma, rimarranno soltanto le fondamenta e i piloni. La tempistica dei lavori è stata fissata in 210 giorni, ossia sette mesi. L’obiettivo è quello di avere l’impresa sul posto ai primi di novembre, e di terminare quindi per il 30 di luglio. L’amministrazione conta che, questa volta, non ci siano imprevisti, e che non ci saranno slittamenti. Durante l’inverno si svolgeranno i lavori di demolizione, mentre con la primavera si procederà con le nuove costruzioni. L’importo stanziato è di 1,9 milioni di euro, anche se le opere vere e proprie ammontano a un milione e mezzo. Il resto è accantonato in caso di difficoltà che si dovessero riscontrare cammin facendo. L’ammontare complessivo dell’opera, compresi i lavori già effettuati, dovrebbe arrivare a 2,9 milioni di euro, una cifra non di molto superiore ai 2,6 milioni della previsione iniziale, fatta prima di scoprire che il cavalcavia non era stato costruito secondo il progetto originale degli anni Sessanta.