• Pavia:

A Vigevano il venerdì non è un buon giorno per morire…

"Oggi è un buon giorno per morire". Così diceva Cavallo Pazzo, leggendario capo Sioux, e così si dovrebbe dire anche a Vigevano. In città, infatti, adesso ci sono giorni buoni e meno buoni per morire. Le citazioni aiutano ad alleggerire, ma la questione è seria. La DR Multiservice, cooperativa di Benevento che gestisce il cimitero cittadino, ha diramato alle aziende di pompe funebri una lettera in cui si specifica che, per motivi organizzativi, non si potranno celebrare funerali al sabato, domenica e lunedì. Se una persona muore dalle 13 del venerdì in poi, per la sua sepoltura bisognerà aspettare fino a martedì. Le conseguenze di questa direttiva sono tristemente immaginabili per le famiglie dei defunti. Un problema non da poco che investe uno dei temi più sensibili per la popolazione, e che sembra avere indispettito l’amministrazione comunale, tenuta all’oscuro della decisione. “Quello che posso dire è che sicuramente la politica non è stata interpellata”, ha commentato il sindaco Sala, definendo il provvedimento “una fuga in avanti decisa in totale autonomia dalla cooperativa privata”. La prospettiva di un blocco dei funerali per tre giorni alla settimana non piace proprio al primo cittadino, che nelle scorse ore ha affrontato la questione con i dirigenti del comune. Sarà inevitabile, comunque, un confronto con la cooperativa, che probabilmente sarebbe stato opportuno già prima di attuare il provvedimento. “Posso capire che ci possano essere delle difficoltà a garantire il servizio tutti i giorni, ma le soluzioni vanno trovate insieme”, ha concluso Sala, che conta di poter trovare delle contromosse già nella giornata di martedì.