• Pavia:

Voghera, è morto il pensionato trovato avvolto dalle fiamme sul greto del torrente

Voghera. Il fumo che si leva dal greto del torrente Staffora in secca. Poi l’allarme ai vigili del fuoco che però, quando arrivano, trovano un’orribile sorpresa: nel rogo di sterpaglie c’è un uomo avvolto dalle fiamme privo di conoscenza. Attorno alle 13 di giovedì, in via Zanardi Bonfiglio, arrivano polizia, carabinieri e ambulanze. I medici si prodigano per salvarlo, lo intubano e lo portano fino allo stadio, dove l’uomo, con ustioni gravissime sul 90% del corpo, viene affidato ai colleghi che lo trasportano con l'elisoccorso all’ospedale di Torino. Qui però, lo sfortunato è deceduto nel pomeriggio.

Le prime informazioni parlano di un senzatetto che aveva trovato rifugio in alcune baracche in riva allo Staffora. Solo nelle ore successive si scopre la vera identità della vittima: si tratta di un pensionato di 90 anni residente in via Emilia, Andrea Zuppanelli, regolarmente residente a Voghera. In tasca aveva le chiavi del suo appartamento di via Emilia.

Secondo gli inquirenti l’uomo non era abbandonato a se stesso, aveva una nipote e si recava regolarmente in farmacia per acquistare medicinali. Ed è da qui che partiranno le indagini per cercare di ricostruire le ultime ore di vita del pensionato. Indagini che non escludono al momento alcuna ipotesi. In quella zona dello Staffora ci sono bivacchi e tracce di un piccolo accampamento, un tavolino di plastica, una sdraio, un vecchio secchio di vernice capovolto, scarpe, stracci e un sacchetto di carbonella che potrebbe forse aver provocato l’incendio.

Ma resta da chiarire il perché un uomo tanto anziano si sia portato, in piena estate, in luogo simile o ancora, l’eventuale presenza di altre persone, testimoni della tragedia. La zona infatti – hanno spiegato alcuni residenti – è spesso frequentata da sbandati che su muovono nell'ombra.