• Pavia:

Gelate in Oltrepò: danni per 16milioni di euro. Avviato l’iter per lo stato di calamità naturale

Regione Lombardia ha avviato l’iter per chiedere lo stato di calamità naturale per l’Oltrepò. La gelata dello scorso mese di aprile ha causato un danno da 16 milioni e 500mila euro, mettendo in ginocchio i produttori di vino e di frutta dell’Oltrepò. La decisione è stata comunicata durante un incontro in commissione dallo stesso assessore regionale Gianni Fava. I danni principali hanno toccato il settore vitivinicolo ma anche altre produzioni hanno subito ingenti danni, non solo per l’anno in corso. Le ripercussioni si avranno infatti anche in futuro: in alcuni vigneti le piante sono morte e dovranno essere reimpiantate. L’iter andrà ora avanti con la delibera di giunta e quindi con il passaggio a Roma. Ed è proprio sull’impegno dei parlamentari pavesi che conta il settore per riuscire a dare risposte ed un aiuto economico concreto alle tante aziende pavesi colpite dalla gelata di aprile. Sono state così accolte le richieste presentate nelle scorse settimane dai consiglieri pavesi di Forza Italia Vittorio Pesato e del Pd Giuseppe Villani. “La situazione che si è determinata è piuttosto pesante e non solo per l’anno in corso, come ha detto anche l’assessore Fava: le ripercussioni si avranno anche in futuro, considerato che in alcuni vigneti le piante sono proprio morte e vanno re-impiantate - ha detto il democratico Villani. In chiusura della commissione l’assessore regionale Fava ha rimarcato: “In questi anni abbiamo visto riconoscere danni in percentuali ridicole, dal 2 al 3%, ma ora c’è la necessità di fare fronte al salvataggio di aziende che si sono viste private anche di percentuali elevate, tra l’80 e il 100 %, della produzione”.