• Pavia:

Troppo caldo al Mezzabarba: i sindacati chiedono l’aria condizionata per i dipendenti

Temperature troppo alte e uffici sempre più simili a dei forni, soprattutto nelle ore centrali della giornata. A Palazzo Mezzabarba i dipendenti sono in rivolta per le condizioni in cui sono costretti a lavorare: in molti casi la colonnina ha superato addirittura i 30 gradi. Una condizione ritenuta invivibile, in particolar modo al piano terra dell’edificio, negli ampi saloni dell’anagrafe. "Un problema - ha spiegato Maurizio Poggi della Uil - che si presenta puntuale con il ritorno dell’estate".

Ancora una volta quindi i sindacati sollecitano l’intervento dell’amministrazione comunale, con una lettera, affinchè si affronti il problema, salvaguardando la salute dei lavoratori. Sarebbe necessaria, innanzitutto, una soluzione tampone con quattro o cinque pinguini da posizionare nei punti più caldi mentre, a lungo termine, si chiede un intervento strutturale che permetta la climatizzazione dei saloni dell’anagrafe. Una misura sia per i lavoratori che per i tanti utenti che ogni giorno affollano gli uffici del comune. In molti casi donne incinte o persone anziane. Sindaco, assessore al personale e dirigenti dei settori interessati: i sindacati si aspettano che tutti i soggetti facciano la loro parte per risolvere al più presto l’emergenza. "In caso di inattività dell’ente - ha aggiunto Poggi - la segreteria provinciale della Uil perseguirà tutte le vie necessarie a tutela dei dipendenti che non possono comunque essere lasciati in un simile disagio per tutta la stagione estiva".