• Pavia:

Pavia, bus in Corso Cavour: mancano duemila firme per indire il referendum

Due mesi per raccogliere altre duemila firme: è una corsa contro il tempo quella del "Comitato promotore del referendum cittadino per la riapertura di Corso Cavour agli autobus". Fino ad oggi sono stati in totale oltre mille i pavesi che hanno deciso di sostenere la battaglia portata avanti da questo gruppo di cittadini. Ma la strada è ancora lunga: nei prossimi sessanta giorni dovranno essere raccolte due terzi delle tremila firme necessarie per indire il referendum, così come previsto dal regolamento comunale approvato recentemente.

Il lavoro del comitato, nel frattempo, non si ferma qui: è stata infatti depositata una richiesta formale all’ufficio protocollo del comune per incontrare il sindaco Depaoli ed aprire un confronto ufficiale. Un passaggio ritenuto necessario dopo le dimissioni dell’assessore alla Mobilità Davide Lazzari. E non si fermano nemmeno gli appuntamenti per la raccolta firme, ovviamente. Cinque i punti presso cui i residenti nel Comune di Pavia, muniti di un semplice documento d’identità, potranno recarsi a dare la propria adesione: sabato 10 giugno, dalle 9 alle 12, al Mezzabarba e al Comitato Pavia Nord Est di Piazzale Torino; mercoledì 7 e 14 giugno, dalle 17 alle 22, al Comitato di Pavia Est in via Pollaioli 30; sabato 17 giugno, dalle 9 alle 12 in viale Matteotti.Senza dimenticare infine il presidio fisso di Via Acerbi: dal lunedì al venerdì, dalle 8:30 alle 12:30, e il martedì e il giovedì dalle 14:30 alle 17.