• Pavia:

Pesa ancora lo scandalo dei ricatti hard, don Gregorio Vitali allontanato anche da Roncole

Non è ancora il momento per il ritorno di don Gregorio Vitali alla vita parrocchiale. La brutta storia di ricatti a sfondo sessuale di cui sarebbe stato vittima, per cui è in corso il processo a Pavia, rimane troppo incombente per l’ex rettore del santuario della Madonna della Bozzola di Garlasco. Don Gregorio è stato infatti allontanato da Roncole Verdi, frazione di Busseto nota per aver dato i natali al celebre compositore, dove era giunto appena due settimane fa per fare da coadiutore al parroco. Il sacerdote avrebbe fatto ritorno a Treviglio, dove ha vissuto una vita assolutamente ritirata dopo l’esplosione dello scandalo per il quale sono attualmente alla sbarra Flavius Savu e Florian Tanase, accusati di aver chiesto soldi a padre Gregorio per non diffondere una presunta registrazione di carattere hard che lo avrebbe visto protagonista. A quasi due anni dall’arresto dei due rumeni, padre Gregorio era stato assegnato alla piccola parrocchia di Roncole Verdi, nel parmense. Lì il sacerdote aveva ripreso la sua attività pastorale, ma subito tra i parrocchiani si erano diffuse le voci che raccontavano del suo passato, e di una vicenda che ancora attende un definitivo chiarimento giudiziario. Sebbene le cronache locali raccontino di una generale accettazione dei fedeli nei confronti del nuovo arrivato, la situazione si era forse fatta un po’ troppo imbarazzante, tanto che padre Gregorio è stato allontanato da Roncole. Troppa curiosità si stava già addensando sulla sua figura ad appena due settimane dal suo ingresso in parrocchia. L’ex rettore del santuario delle Bozzole, quindi, se n’è andato in silenzio. Per lui si profila un nuovo periodo di vita ritirata.