• Pavia:

In fuga coi soldi dello spaccio: 2 marocchini finiscono giù dall’argine del Po

Mezzanino. Forzano un posto di blocco e finiscono giù dall’argine del Po. Poi tentano la fuga a piedi, ma vengono fermati. Sull’auto migliaia di euro in contanti, probabile ricavo della cessione di droga. Scene da film a Mezzanino, dove la polizia provinciale è riuscita a bloccare e a denunciare due marocchini. L’episodio è accaduto l’altra sera verso le 8. Gli agenti erano fermi non lontano dal ponte della Becca. Quando i due li hanno visti, hanno fatto una brusca inversione, imboccando la strada dell’argine in direzione di Bressana. Inizia così l'inseguimento. Ma dopo alcuni kilometri ad alta velocità, il nordafricano alla guida perde il controllo della Seat Ibiza che finisce in un campo diversi metri più sotto. Nonostante l’immediato intervento dei poliziotti, uno dei due, il passeggero, riesce ad uscire e inizia a correre per sfuggire al controllo. A quel punto l’agente che lo stava inseguendo esplode alcuni colpi di pistola per avvertimento e lui, ormai braccato, si ferma e si consegna. Entrambi i marocchini erano già noti alle forze dell’ordine, ma mentre il conducente è risultato regolare in Italia, l’altro, il 20enne che si dato alla fuga, oltre ad avere precedenti penali, era clandestino. Droga non se ne sarebbe trovata, ma i due pregiudicati dovranno perlomeno spiegare dove andavano così di fretta e con una borsa piena di soldi.