• Pavia:

Pavia, premi in comune: i dipendenti scrivono alla Corte di Conti

Un danno erariale a causa della gestione delle progressioni economiche orizzontali. Dopo qualche mese di calma apparente, il tema degli scatti contrattuali torna prepotentemente d’attualità dalle parti del Mezzabarba. A riaccendere il caso ci ha pensato un gruppo di dipendenti del comune con una lettera indirizzata alla Procura della Corte dei Conti per chiedere –  come si legge – "di accertare l’eventuale responsabilità dei soggetti coinvolti: il dirigente del settore risorse umane ed eventualmente del sindaco Depaoli e dell’assessore al personale Gregorini". Non solo: "quali siano quindi le misure ritenute più opportune nei confronti dei soggetti eventualmente responsabili del danno erariale procurato oltre all’eventuale danno ai dipendenti".

Il caso era scoppiato lo scorso mese di ottobre quando la maggior parte dei lavoratori del Mezzabarba era rimasta esclusa dalla "progressione economica orizzontale", una sorta di scatto da circa 70 euro al mese. Interi gruppi professionali, in primis le insegnanti delle scuole d’infanzia e le educatrici degli asili nido di Pavia, non avevano ottenuto un solo euro. Una gestione che aveva mandato su tutte le furie anche i sindacati. Ora la palla passerà alla Corta dei Conti che dovrà stabilire un eventuale danno economico subito dai dipendenti esclusi dallo scatto contrattuale.