• Pavia:

Guidavano un furgone rubato carico di armi, arrestati due sudamericani

Il colpo era stato messo a segno tra il 24 e il 25 aprile: i ladri erano entrati in una villa di Certosa di Pavia, quando il proprietario non era in casa, e avevano rubato orologi e fucili da caccia. Un bottino da almeno 35 mila euro che sembrava essersi volatilizzato. La polizia di stato è riuscita però a ritrovare parte della refurtiva grazie alla consueta attività di controllo del territorio. Una pattuglia ha infatti fermato un furgone sospetto in zona Porta Genova, a Milano. All'interno c'erano due uomini, uno dei quali -un 32enne di origine peruviana- alla vista delle divise ha tentato la fuga, ma è stato bloccato dai poliziotti dopo un breve inseguimento. Il complice, un 47enne ecuadoregno che si trovava al volante del mezzo, è stato invece subito fermato. All'interno del furgone, anch'esso rubato, erano nascosti 10 fucili di vario calibro e diverse munizioni da guerra. I due sudamericani, che stavano scontando ancora diversi mesi di libertà vigilata per furti in appartamento ed evasione, sono stati quindi arrestati in flagranza con le accuse di detenzione e porto di armi da sparo e indagati per ricettazione in concorso. Le armi sono state ovviamente sequestrate, mentre non c'era traccia sul mezzo degli orologi rubati alla vittima. La Questura di Milano ha già avviato le pratiche con l'ufficio immigrazione per chiedere l'espulsione dei due arrestati.