• Pavia:

Vincenzo, il cuoco del Vesuvio in Oltrepò per reinventare la tradizione

Santa Maria della Versa. Dalle pendici del Vesuvio per provare a reinventare la cucina dell’Oltrepò. Vincenzo Agrillo, 28 anni, quasi la metà trascorsi ai fornelli in giro per l’Italia e il mondo, per uno strano arzigogolo del destino, alcuni mesi fa è approdato tra le colline di Santa Maria della Versa ed è rimasto stregato dal fascino dell’alta valle.

Napoli, Ginevra, Milano, Maldive. Fuori dalla finestra della cucina del ristorante non c’è il vulcano o la metropoli, solo il mare, verde, dei vigneti di moscato e di pinot, cuore della prima area d’Italia per la produzione di queste uve. E così Vincenzo ha deciso di fermarsi, ma non da solo, con lui è arrivata anche al compagna, con cui aveva già condiviso esperienze di lavoro e che si occupa di accogliere chi arriva in località Sasseo di Santa Maria per scoprire questo affascinante scorcio di provincia pavese.