• Pavia:

Caso Marvell, in Regione l’azienda conferma la chiusura (e intanto fa numeri da record in Borsa)

Il caso Marvell sbarca in Regione: in mattinata il primo incontro in commissione attività produttive, nel quale erano presenti i sindacati, i consiglieri regionali e il sindaco di Pavia Massimo Depaoli. L'azienda, anche in questa sede, ha ribadito la volontà di dismettere il polo di viale della Repubblica, ma ha specificato che sono già in corso trattative con società interessate a rilevare una parte dell'attività. Sarebbero 4 o 5 i gruppi che si sono detti interessati all'acquisto, ma ancora non è chiaro quanti lavoratori potrebbero venire "salvati" dalla scure del licenziamento collettivo. La Regione si è detta disponibile ad aiutare economicamente i soggetti eventualmente interessati all'acquisto, per mantenere sul territorio un polo di eccellenza che può contare su un'ottantina di dipendenti altamente specializzati. Anche il sindaco Depaoli e i sindacati premono affinchè lo stabilimento pavese resti aperto. Per venerdì pomeriggio è prevista un'assemblea generale dei lavoratori alla Camera del Lavoro di Pavia, appuntamento al quale la Cgil ha invitato anche le istituzioni. E mentre in Italia si lavora per salvare i dipendenti di viale della Repubblica, la multinazionale americana fa segnare numeri da record in borsa, con una proiezione di crescita del 60% del margine lordo nella seconda metà dell'anno fiscale in corso.