• Pavia:

Corteolona, sequestro di birra a fiumi

Corteolona. 50mila litri di birra sequestrati dalla finanza in una logistica di Corteolona: l’operazione è scattata nelle scorse ore e ha portato le fiamme gialle a mettere i sigilli su interi bancali di bottiglie, 110mila per l’esattezza, che sarebbero entrati illegalmente sul territorio nazionale. Il responsabile del deposito non sarebbe stato in grado di produrre la documentazione attestante la regolarità della merce ed è stato denunciato a piede libero per contrabbando. “La birra – hanno spiegato gli inquirenti – è soggetta ad accisa, come gli altri alcolici, che in questo caso era stata completamente evasa”. Secondo le prime stime questo fiume di birra entrato illecitamente in Italia avrebbe consentito l’evasione di imposte per oltre 20mila euro e ricavi per almeno 100mila. Ricavi, anche in questo caso, nascosti al fisco. L’operazione è stata condotta dalla guardia di finanza di Pavia in collaborazione con l’Agenzia delle Dogane. La birra sequestrata, probabilmente, da Pavia era solo di passaggio. I marchi riportati sulle confezioni, tranne alcune eccezioni, facevano riferimento in maggioranza a produttori dell’est Europa, in particolare la Polonia, e in Italia sono decisamente rari.