• Pavia:

Vigevano, basta street food e “casette” in piazza Ducale: l’organizzatore è inadempiente

Basta, almeno per il momento, allo street food a Vigevano. Il comune ha sciolto il contratto con la Linea Emme di Milano, società di organizzazione eventi che aveva un accordo valido per il 2016 e il 2017. L’azienda è stata giudicata inadempiente. Quello che non hanno potuto fare le polemiche hanno potuto i soldi. Al comune, infatti, non è pervenuto il pagamento della seconda rata del contratto: 4.815 euro che Linea Emme avrebbe dovuto versare entro fine ottobre in cambio dell’autorizzazione all’organizzazione di eventi a Vigevano. Soldi che non sono arrivati, e dopo diversi solleciti il comune ha preso provvedimenti procedendo allo scioglimento dell’accordo e avviando le pratiche per il recupero crediti. Si chiude così quindi una questione che diverse polemiche aveva sollevato in città. Lo street food in piazza Volta non era piaciuto ad alcuni esercenti, che si erano lamentati per la concorrenza. Il caso più clamoroso, però, era scoppiato a dicembre, con le casette in piazza Ducale. Un mercatino giudicato di scarsa qualità ed esteticamente non in linea con il prestigioso salotto vigevanese, che aveva scontentato gli stessi operatori, alcuni dei quali giunti da molto lontano, per l’assenza di iniziative promozionali e di intrattenimento. Un rapporto, quello con l’agenzia di eventi milanesi, che insomma non aveva mai generato entusiasmi, e che adesso finisce addirittura a carte bollate.