• Pavia:

Regione, Pesato: “Boom di malattie con i profughi. Presenterò un’interrogazione”

Un picco di nuove malattie a causa dell’immigrazione di massa degli ultimi anni. Il consigliere regionale pavese Vittorio Pesato lancia l’allarme e si dice pronto a illustrare un’interrogazione al Pirellone già nei prossimi giorni: "Credo che siamo in una situazione di assoluta emergenza. A cominciare dalla meningite e da altre forme di virus e batteri - ha spiegato Pesato - arrivati con l'invasione di immigrati degli ultimi due o tre anni. Senza contare le nuove patologie. Quello che voglio capire, e chiedere, è quale sia la situazione all'interno degli ospedali lombardi. Se è il caso di prendere provvedimenti seri".

Se la risposta della regione dovesse evidenziare particolari criticità, il passaggio successivo dovrebbe essere una corretta informazione della popolazione lombarda, secondo il consigliere pavese. In attesa della replica dell’assessore regionale, ci pensa il Comune di Pavia a gettare acqua sul fuoco.

Si tratta di inutile allarmismo per l’assessore a Sanità ed Immigrazione Laura Canale, visto che la stessa Ats ha più volte confermato che non esiste alcuna correlazione tra i fenomeni migratori e la diffusione di nuove malattie e dei casi di meningite nel nostro paese. "Anche molti esperti a livello nazionale assicurano che i picchi di meningite non ci sono stati - ha precisato Laura Canale - e i casi sono stabili negli anni. Ma la cosa più importante è che gli episodi di meningite che oggi abbiamo in Italia sono tutti riferibili ai ceppi B e C, interni al nostro paese.". Si calcola che una cifra variabile tra i cinque e i dieci milioni di italiani sono portatori sani proprio dei ceppi B e C.