• Pavia:

Bornasco, cerca di sottrarre il figlio alla ex moglie: condannato

Si era presentato a casa di un amico della ex moglie per riprendersi il figlio che, a suo dire, "non poteva stare con la madre". L'uomo, oggi 47enne, aveva addirittura preso il bambino per un braccio e aveva tentato di portarlo via con sé. Solo la pronta reazione della madre e dell'amico avevano impedito che si consumasse un vero e proprio sequestro di persona. I fatti risalgono al novembre del 2011, a Bornasco. Il 47enne, che da alcuni mesi non viveva più con la ex moglie, si era presentato davanti all'abitazione dove la donna stava cenando. Dopo aver suonato il campanello era entrato in casa e qui, senza troppe spiegazioni, aveva preso il figlio di 6 anni, che era stato affidato alla madre dopo la separazione, e aveva cercato di farlo salire in macchina. La signora e l'amico si erano ovviamente opposti, riuscendo ad cacciare l'uomo che, però, non si era dato per vinto e aveva aspettato in macchina, per oltre due ore, davanti alla porta di casa. Alla fine la donna era stata costretta a chiamare i carabinieri e aveva denunciato l'ex marito. Dopo un lungo processo è arrivata la sentenza: l'uomo è stato condannato a due anni e quattro mesi di carcere e al pagamento di una provvisionale di 30mila euro per violenza privata.