• Pavia:

Pavia, tensioni in maggioranza. La civica: “Basta immobilismo, bisogna cambiare”.

O il sindaco fa un rimpasto per uscire da questo immobilismo o non verremo più a nessuna riunione. Un aut aut di fuoco quello recapitato nel pomeriggio di martedì, attraverso una mail, dalla lista civica Cittadini per Depaoli. Mail indirizzata al sindaco ma anche al segretario cittadino del Pd Ramat e al capogruppo in consiglio Lissia. Non a caso, nella prima riunione di maggioranza del 2017, nelle scorse, i due rappresentanti del gruppo Rizzardi e Gorgoni non si sono presentati e non a causa dei classici malanni di stagione. Un incontro, a dire il vero, poco partecipato in generale con una decina di consiglieri comunali presenti a fronte dei 21 eletti al Mezzabarba. E della lettera infuocata, nel corso dell’incontro, nessuno ha proferito parola. Un segreto durato però solo poche ore e la conferma dell’indiscrezione dello scorso 16 novembre quando i mal di pancia della civica erano già emersi sulle nomine al Teatro Fraschini. Nomine che avevano premiato Maria Cecilia Farina, lasciando fuori proprio la candidata della civica Francesca Ajmar. A due mesi da quel primo attrito, il caso è esploso definitivamente con la mail indirizzata ieri dal consigliere Gorgoni a sindaco, segretario e capogruppo. Una polemica che evidenzia un dato incontrovertibile: il confronto non si può più rimandare.