• Pavia:

Omicidio di Voghera, arrestato un 56enne tunisino

È stato un tunisino di 56 anni a uccidere Franco Catracchia, 47enne di Voghera trovato morto sabato 7 gennaio nella sua casa di via Negrotto Cambiaso. Queste le conclusioni a cui sono giunte le indagini dei carabinieri, che hanno proceduto all’arresto del presunto assassino. Un omicidio, quello di Catracchia, che si porta dietro una triste storia di alcolismo e tossicodipendenza. Il killer da qualche tempo era ospitato in casa della vittima, con cui condivideva la dipendenza da alcol e droga, oltre che l’attività di spaccio di stupefacenti. Una lite nata da una divergenza di opinioni sulla valutazione di una partita di droga sarebbe alla base dell’aggressione fatale. L’arma del delitto è stata individuata in una spranga di ferro, poi gettata in un campo poco dopo l’omicidio. Il rapporto dei carabinieri parla di una vera e propria città nascosta, alimentata da una fitta rete di relazioni tra gente che vive nel degrado e nella tossicodipendenza: questo l’ambiente in cui sarebbe maturato l’omicidio. I due conviventi non avrebbero trovato l’accordo sullo scambio di droga e da lì si sarebbe originata la lite fatale. Il tunisino avrebbe colpito la vittima più volte alla testa in maniera cruenta, tanto da procurargli le evidenti lesioni trovate sul cadavere. Il 56enne arrestato ha numerosi precedenti penali: è clandestino, si trova in Italia da 12 anni, ed era stato colpito da decreti di espulsione.