• Pavia:

Allungare il passante ferroviario milanese fino a Mortara: si tenta la lobby di territorio

Trasformare il danno causato dalla chiusura della stazione di Porta Genova in un’opportunità per collegare direttamente la Milano-Mortara al passante ferroviario. È questo l’obiettivo che si sono proposte le forze politiche vigevanesi, che si sono attivate superando le appartenenze per produrre un documento comune con la richiesta di estendere la linea S9 Saronno-Albairate fino a Mortara. Un modo quindi per far finire l’attuale linea sul passante ferroviario, e deviare da San Cristoforo verso Romolo, Porta Romana, Lambrate e Bicocca, toccando alcuni dei punti nevralgici del trasporto pubblico milanese.

La richiesta sarà portata avanti dai 15 comuni attraversati dalla linea ferroviaria Milano-Mortara, che approveranno entro la metà di gennaio lo stesso documento passato con voto unanime a Vigevano. A coordinare questa operazione sarà il presidente del consiglio comunale di Abbiategrasso Adriano Matarazzo, che guida anche la consulta intercomunale dei trasporti. Il primo comune ad aggregarsi sarà Mortara, che il 27 dicembre metterà ai voti la proposta. Verranno inoltre coinvolte le province di Pavia e Alessandria, Città Metropolitana e le regioni Piemonte e Lombardia. Il tutto per fare pressioni su Rfi e ottenere l’allungamento fino a Mortara della S9, con un treno ogni mezz’ora da e per Milano e il collegamento diretto con il passante ferroviario senza cambiare ad Albairate. Un traguardo da ottenere a tutti i costi prima che Porta Genova venga dismessa.