• Pavia:

Processo Asm Pavia, la difesa chiede di assolvere Tedesi e Filippi. Sentenza il 28 novembre

Sarà il 28 novembre la data decisiva per tre dei quattro imputati del processo su Asm Pavia. Tra meno di una settimana il giudice Anna Maria Oddone emetterà la sentenza nei confronti dell'ex contabile Pietro Antoniazzi, dell'ex direttore Generale Claudio Tedesi e dell'ex presidente di Asm Lavori Luca Filippi: i tre, che hanno chiesto il rito abbreviato, devono rispondere di peculato per la scomparsa di quasi due milioni di euro dalle casse della municipalizzata pavese. Nell'ultima udienza sono terminate le arringhe della difesa: gli avvocati di Tedesi e Filippi hanno chiesto l'assoluzione, il legale di Antoniazzi -la cui confessione aveva permesso di ricostruire il giro di denaro all'interno della società- aveva invece chiesto per il suo cliente le attenuanti generiche. Per i tre manager l'accusa ha chiesto complessivamente 18 anni di carcere, una pena calcolata con lo “sconto” di un terzo previsto dal rito alternativo. Le parti civili -la stessa Asm e il comune di Pavia- avevano invece chiesto quasi quattro milioni di euro di risarcimenti tra danni patrimoniali e d'immagine. Spetterà ora al giudice mettere la parola fine, almeno per il primo grado, alla vicenda, in attesa che anche il processo ordinario a carico dell'ex presidente Giampaolo Chirichelli arrivi a conclusione.