• Pavia:

Vende il frigorifero a un vicino, finisce derubata e bastonata

Picchiata con un bastone per un debito da 100 euro. Una vicenda quasi surreale di cui è rimasta vittima una donna di 45 anni che abita a Pavia. La signora, nell'aprile del 2012, si era accordata, con un vicino di casa che stava per trasferirsi, per la vendita di un frigorifero. L'uomo, oggi 63enne, quando si era presentato per portare via l'elettrodomestico aveva spiegato di non avere i soldi con sè e aveva promesso che sarebbe passato più tardi a saldare il suo debito. Ed effettivamente era tornato nel suo vecchio palazzo, ma per prendersi anche un cucinino e una lampada, lasciati nelle cantine, che in realtà appartenevano ad un'altra coppia. Tutto, ovviamente, senza pagare. Così la 45enne e gli altri vicini di casa si erano presentati nella sua nuova abitazione chiedendogli di restituire il maltolto. Per tutta risposta il 63enne era uscito dall'appartamento con la compagna, impugnando un bastone da kung fu lungo un metro: con quello aveva aggredito la donna, colpendola alle gambe e al volto, e minacciato l'altra coppia. Alla fine l'uomo era stato disarmato e all'arrivo della polizia la signora aveva deciso di sporgere denuncia. Il 63enne è finito dunque a processo assieme alla compagna di 51 anni: il giudice ha ritenuto entrambi colpevoli del reato di lesioni personali e li ha condannati a quattro mesi di carcere.