• Pavia:

L’ultima frontiera dello spaccio di droga: la vendita a credito

Tre persone finite in manette e oltre due chili di stupefacente sequestrati (tra eroina, cocaina, marijuana e hashish) per un valore complessivo di circa 80 mila euro. E' il bilancio dell'operazione della polizia di stato denominata On Credit, ovvero a credito, come la modalità di cessione della droga da parte della banda. Chi non poteva pagare subito lo faceva qualche giorno dopo, un meccanismo che ha permesso al gruppo di allargare rapidamente il giro di clienti. A febbraio gli agenti della mobile hanno individuato il primo componente della banda, Giorgio Mugavero, classe 66: spacciava principalmente vicino alla sua abitazione tra via Massacra e corso Garibaldi. L'arresto per lui è scattato il 3 maggio, due mesi dopo -il 15 luglio- i poliziotti hanno messo le manette anche ad altre due persone, un 31enne studente universitario -Liborio Contrafatto, l'uomo che smerciava il grosso della droga- e un 48enne di Albuzzano che custodiva lo stupefacente nella sua abitazione. Qui gli agenti hanno trovato eroina, cocaina e marijuana, ma anche droga sintetica.
La banda arrivava a spacciare anche più di 20 dosi in un solo giorno ed era molto attenta a non farsi individuare, cambiando spesso le sim dei telefonini, intestate ad altre persone. Dopo l'interrogatorio di garanzia due di loro, Mugavero e Contrafatto, sono finiti ai domiciliari. Per il terzo uomo è scattato invece l'obbligo di firma.