• Pavia:

Insulti omofobi alle elezioni scolastiche, studenti sospesi a Pavia

Insulti omofobi nelle schede elettorali per il consiglio d’istituto. È successo in una scuola superiore di Pavia. Le ingiurie erano tutte rivolte nei confronti di un ragazzo che si era candidato a rappresentante degli studenti. Un chiaro episodio di bullismo a sfondo omofobico, secondo la Rete degli Studenti Medi che ha denunciato il caso. Le schede recanti gli insulti provenivano tutte dalla stessa classe, e la buona notizia è che molti dei responsabili sono stati individuati e hanno ammesso il gesto compiuto. La presidenza della scuola si è subito attivata e alcuni dei ragazzi autori degli insulti omofobi sulle schede sono stati sospesi. Come reazione al fatto accaduto, inoltre, l’istituto ha deciso, su proposta dei rappresentanti degli studenti, di potenziare i progetti già attivi per l’educazione al rispetto delle differenze attuati in collaborazione con Arcigay Pavia. Il fatto sta scatenando una serie di reazioni in una città dove sono ancora vive le tensioni seguite al convegno sul gender. Ed è proprio con riferimento a quell’iniziativa che il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle Polizzi si lancia in una dura invettiva su Facebook. “Complimenti agli idioti che organizzano le conferenze sulle teorie gender – scrive Polizzi. Questa è responsabilità vostra, siete i mandanti politici di questo odio”. Tante le repliche e i messaggi di solidarietà a questo intervento, a cui ne ha fatto seguito un altro in cui si chiedeva a Faldini, organizzatore del convegno sulla teoria gender, di assumersi le sue responsabilità. “Pensa alle tue responsabilità”, la serafica risposta del consigliere della lista Pavia con Cattaneo.