• Pavia:

Truffa ad aziende agroalimentari, perquisizioni nel pavese

Aveva una sede anche in provincia di Pavia la Italcom, società finita nel mirino della Guardia di Finanza per un’inchiesta a livello nazionale. Secondo le accuse l’azienda comprava vino, olio, sottaceti e pasta senza pagare, per poi rivendere la merce al mercato nero. Il trucco è venuto alla luce dopo la denuncia di un’azienda del Salento, che aveva venduto alla Italcom 8.000 bottiglie di vino senza mai ricevere il pagamento. Le susseguenti indagini della Finanza hanno permesse di stabilire che la società concordava con le aziende truffate un pagamento rateale, ma saldava solo la prima rata, continuando in seguito a presentare fidejussioni bancare come garanzia allo scopo di guadagnare tempo. Cinque le aziende finite nella rete, nelle province di Brindisi, Catania, Piacenza, Roma e Treviso. L’inchiesta ha posto sotto indagine cinque persone, e nella mattinata odierna sono state effettuate perquisizioni in tutta Italia. In provincia di Pavia operava un’unità locale della Italcom, e sempre sul nostro territorio ci sono degli immobili nella disponibilità degli indagati.