• Pavia:

Pavia, tutele speciali ai dipendenti comunali che segnaleranno illeciti

Saranno gli stessi dipendenti pubblici gli arbitri di quanto accade tra le mura dell’amministrazione comunale. Nelle scorse ore la giunta del Mezzabarba ha approvato ufficialmente in via sperimentale la procedura del whistleblowing, espressione che letteralmente significa soffiare nel fischietto e che vuole richiamare l’azione e soprattutto la figura dell’arbitro. Nel linguaggio politico si parla più comunemente di gola profonda. Grazie all’adozione di questa direttiva, che rientra nel piano triennale per la prevenzione della corruzione deliberato a gennaio, i dipendenti saranno quindi tutelati e allo stesso tempo invogliati a denunciare qualunque illecito riscontrato all’interno dell’amministrazione. Sono tre, in modo particolare, le azioni previste dal piano: in primis la massima riservatezza imposta a tutti i soggetti che ricevono una segnalazione. Riservatezza che riguarderà anche i canali dedicati alla ricezione delle denunce. In quest’ottica potrà essere utilizzato, compatibilmente con le risorse disponibili un sistema informatico ad hoc. Massima copertura infine all’identità del segnalante che sarà accertata solo in caso di procedimenti legali.