• Pavia:

Vigevano, donna accoltellata dal marito: violenze anche sulla figlia

Per la seconda notte consecutiva Vigevano si trova a vivere un episodio di violenza in famiglia contro una donna. Una cingalese di 45 anni è stata presa a schiaffi e quindi accoltellata dal marito che la rimproverava di averlo svegliato facendo ritorno a casa dal lavoro. La famiglia, che ha anche una figlia di cinque anni, vive in centro città. Ieri sera la donna è tornata a casa dopo una giornata di lavoro e ha suonato il campanello per farsi aprire dal convivente. Questi, però, si era addormentato e, come accaduto altre volte, non ha sentito l'arrivo della moglie che è così rimasta chiusa fuori dalla porta. La 45enne si è seduta sulle scale, provando di tanto in tanto a suonare e bussare nella speranza che il marito si svegliasse. L'uomo, anch'egli dello Sri Lanka, 50 anni, le ha aperto dopo due ore, colmo d'ira. Dapprima ha preso a schiaffeggiare la moglie poi, in un colmo di violenza, ha preso un coltello e ha cercato di colpirla con un fendente al cuore. La donna è riuscita a parare il colpo con il braccio, rimanendo ferita, ed è quindi fuggita sul terrazzo da dove ha chiamato i carabinieri. Sono state le sue grida di aiuto a indirizzare i militari verso l'abitazione. Una volta salite le scale, le divise hanno trovato il marito con il coltello insanguinato in mano: sono riusciti a calmare l'uomo e a farsi consegnare l'arma, procedendo in seguito all'arresto. La donna, che ha riportato ferite guaribili in dieci giorni, si è quindi confidata, spiegando ai carabinieri che già altre volte il coniuge si era comportato in maniera violenta, sia contro di lei sia contro la loro bambina di cinque anni. Non aveva però trovato, fino a quel momento, il coraggio di denunciare. L'uomo si trova adesso in carcere a Pavia.