• Pavia:

Il traffico di droga fra l’Olanda e la Toscana aveva base a Pavia

Era Pavia la tappa intermedia di un maxi giro di droga che partiva dall’Olanda per raggiungere la Toscana. 27 mandati di arresto sono il risultato di un’indagine partita da Firenze e che ha portato ad arresti fra lo stesso capoluogo toscano, Pavia e Livorno. Il boss sarebbe stato un 24enne albanese, giocatore di calcio di serie A in patria, figlio di un imprenditore. Laureato in giurisprudenza, avrebbe voluto addirittura entrare in polizia. È invece sospettato di essere al vertice di questo giro di cocaina ed eroina che partiva dall’Olanda, faceva tappa a Pavia e finiva poi per essere smerciata fra Montecatini, l’Empolese, la Versilia e il pisano. I membri dell’organizzazione facevano una vita tutto sommato modesta in Italia, per poi inviare le somme provento del traffico illecito in Albania, in tranche da 300mila euro l’una.