• Pavia:

Il “lingottino” della Necchi sarà abbattuto

Prima immobile da preservare e mettere in sicurezza, oggi carcassa da abbattere poiché pericolante. Il destino del cosiddetto Lingottino, posto all'interno dell'area Necchi, è ormai segnato. Nei mesi scorsi la nuova richiesta di abbattimento presentata dalla proprietà, con tanto di perizia giurata allegata, ha infatti trovato il parere favorevole della commissione paesaggio. L'unica prescrizione è che venga prodotta della documentazione che ricordi la storia della struttura, considerata patrimonio di valore storico. Ora la società proprietaria potrà quindi chiedere al dirigente competente l'autorizzazione a procedere.  Un cambio di rotta, dopo anni di pareri negativi, che insospettisce il capogruppo di Forza Italia Antonio Bobbio Pallavicini. Le precedenti commissioni hanno sempre chiesto interventi conservativi ed oggi si sconfessa questo parere, peraltro con una perizia di parte, l'affondo del consigliere forzista, che rincara la dose evidenziando possibili anomalie. Motivo per cui, ha sottolineato Bobbio Pallavicini, scriverò direttamente alla soprintendenza per chiedere chiarimenti. Ma l'amministrazione del Mezzabarba ribatte che non esiste alcuna anomalia. L'edificio verrà abbattuto semplicemente poiché pericolante: uno stato evidenziato sia dalla perizia di parte che da quella del comando provinciale dei Vigili, spiega l'assessore all'urbanistica Gualandi. La proprietà, si legge nel documento, non ha fatto nulla nel tempo per conservare il fabbricato lasciando che l'incuria avanzasse fino all'attuale punto, giudicato ormai di non ritorno.