• Pavia:

Presunte infiltrazioni mafiose nella sanità, polemica a Pavia

Nel comparto sanitario pavese c'è il rischio di infiltrazioni mafiose? La convocazione della commissione antimafia delle scorse ore ha letteralmente gelato il sangue nelle vene dei consiglieri comunali che ne fanno parte. L'ordine dei lavori, un documento pubblico che si può trovare sul sito del comune e che evidenzia due casi da analizzare in ambito di sanità locale, pone infatti questo inquietante interrogativo. Infiltrazioni che chiaramente non ci sono o quantomeno non sono provate. Una leggerezza che ha mandato su tutte le furie i consiglieri di opposizione presenti in commissione, creando allo stesso tempo qualche imbarazzo nella maggioranza. Da Bobbio Pallavicini di Forza Italia a Poma della civica Pavia con Cattaneo passando per Niutta del Nuovo Centrodestra: tutti hanno richiamato il presidente Vigna a maggior cautela nell'utilizzo delle parole, soprattutto quando si affrontano temi così delicati. Un malumore che i consiglieri non possono esprimente pubblicamente, visto il vincolo di segretezza che copre le riunioni della commissione, ma che confermano indirettamente. Non si possono insinuare questi dubbi ed inoltre l'organo consiliare non ha funzioni investigative ma solo consultive: questa la sintesi del loro pensiero. Una polemica che non sembra destinata ad esaurirsi a breve. Nella prossima riunione di capigruppo i rappresentanti dei partiti di opposizione riproporranno l'argomento davanti al presidente del consiglio comunale e dei membri della maggioranza.