• Pavia:

Arrestato uno dei pirati che investirono Elena Madama, l’altro è ricercato

Ha 27 anni ed è moldavo. E' stato identificato grazie a un'impronta digitale lasciata sull'auto. La squadra mobile di Pavia ha arrestato uno dei due responsabili dell'investimento della consigliera comunale del PD Elena Madama. La giovane era stata travolta la sera del 13 novembre in piazza Italia da un'auto pirata che l'ha poi trascinata lungo strada Nuova fin nei pressi del ponte coperto. I responsabili si diedero alla fuga, abbandonando la loro auto. Proprio dall'analisi della vettura sono partite le indagini: la polizia scientifica è riuscita a isolare un'impronta digitale, che ha permesso l'identificazione di un 27enne moldavo. Successive intercettazioni telefoniche hanno portato alla conferma del fatto che si trattasse di uno dei pirati a bordo della Opel Insignia che travolse Elena Madama, e hanno quindi condotto gli investigatori sulle tracce di un'altra persona, il secondo uomo a bordo dell'auto: si tratterebbe di un russo di 18 anni ancora latitante, ricercato a livello internazionale.

L'arrestato farebbe parte di una banda di moldavi che ultimamente si era stabilita a Milano. Gli uomini della squadra mobile lo braccavano da circa un mese. Il 27enne a quanto pare aveva intuito che la polizia era sulle sue tracce, e si era quindi spostato nel piacentino, ospite di connazionali. Ieri, attorno alle 17, è stato individuato in un parco di Piacenza. Avrebbe tentato la fuga, senza riuscire a evitare l'arresto.