• Pavia:

Vigevano, custode infedele estorce 100mila euro a imprenditore

Un 70enne originario di Palmi è stato arrestato dai carabinieri con l'accusa di estorsione aggravata: avrebbe chiesto 100mila euro a un noto imprenditore vigevanese del settore pelli sintetiche e calzature per porre fine agli atti persecutori contro la sua persona e la sua abitazione. L'arrestato non è altri che il custode della villa della vittima, autore di un piano che ricorda nelle sue modalità quello delle organizzazioni criminali. Tutto iniziò a metà marzo, quando qualcuno si introdusse nell'abitazione dell'imprenditore tentando di incendiare il garage. Nei giorni successivi il custode raccontò al proprietario di essere riuscito a sventare altri due tentativi di irruzione, mettendo in fuga i malviventi. Da quel momento la vittima, ottantenne, cominciò però a ricevere a casa una serie di telefonate minatorie o mute. L'imprenditore, tormentato, decise di andare al mare per una ventina di giorni, lasciandosi alle spalle quella traumatica situazione. Al ritorno trovò però una busta anonima con la richiesta di 100mila euro per porre fine alle minacce. E' stato a quel punto che è partita la denuncia ai carabinieri, che hanno convinto l'uomo a fingere di accettare per cercare di cogliere il colpevole in fragrante. La sera stabilita per il pagamento, il 25 aprile, il luogo dello scambio era monitorato da numerose telecamere e circondato dai carabinieri, attrezzati nell'evenienza di avere a che fare con un'organizzazione criminale. All'appuntamento si presentò però un uomo solo, subito riconosciuto come il custode della villa della vittima. Seguito a casa per verificare la presenza di eventuali complici, i carabinieri lo hanno sorpreso nel sonno: sul suo comodino erano impilate le banconote ricevute in seguito al ricatto, i 100mila euro estorti all'imprenditore. Il custode, che lavorava da 5 anni per la vittima, è stato portato in carcere a Pavia. Gli investigatori stanno cercando di capire il perché del gesto e l'eventuale coinvolgimento di altre persone nella vicenda.