• Pavia:

Lomello, oculista truffava anziani pazienti per giocare al casinò

I carabinieri della compagnia di Vigevano hanno arrestato un'oculista di Lomello (con studi a Robbio, Lomello e presso l'ospedale di Mede) accusata di aver truffato 16 anziani pazienti per una somma complessiva di 150mila euro, spesa in gran parte giocando alla roulette al Casinò di Saint Vincent. L'indagine era partita dalla denuncia di una 72enne di Mortara che si era vista presentare dalla professionista fatture per 13mila euro per presunte visite specialistiche effettuate nei confronti suoi e del marito. Il medico aveva spiegato all'anziana che, in caso di mancato pagamento, sarebbe scattata una verifica da parte della Guardia di Finanza con conseguente rischio addirittura di perdere la propria abitazione. L'anziana, spaventata, pagò, ma l'oculista continuava a chiederle denaro, in somme sempre più ingenti. Da qui la denuncia e la conseguente indagine dei carabinieri in un'inchiesta coordinata dal Dr. Roberto VALLI e diretta dal Procuratore Capo della Repubblica Dr. Gustavo CIOPPA. Le verifiche degli uomini dell'arma hanno portato a scoprire un gran numero di fatture per quantità di denaro importanti tutte emesse nei confronti di pazienti anziani, fra i 77 e gli 88 anni (alcuni dei quali nel frattempo deceduti). Secondo quanto emerso dalle indagini l'oculista avrebbe operato la truffa delle fatture per visite mediche in realtà non effettuate nei confronti di 16 pazienti (7 dei quali hanno già presentato denuncia), incassando complessivamente 150mila euro in gran parte ormai spesi al casinò di Saint Vincent. La donna è stata arrestata questa mattina nel suo studio di Lomello.