• Pavia:

Maugeri, sindacati divisi sui tagli in buste paga

Nuovo colpo di scena nella vertenza sindacale in fondazione Maugeri: oggi Cgil e Uil hanno annunciato che non firmeranno i tagli in busta paga accettati dai lavoratori con il referendum del mese scorso. Una decisione arrivata dopo che i vertici della fondazione hanno chiesto al tribunale di Pavia di prorogare di altri due mesi il concordato con riserva concesso il 4 novembre, concordato che dovrebbe dare alla Regione, creditore potenziale, la possibilità di esprimersi sull'appoggio o meno al piano di rilancio. Per il comparto degli infermieri hanno sottoscritto la ratifica dell'accordo Cisl e Fials, mentre Uil, Cgil e Fsi (che costituiscono la maggioranza della base dei lavoratori) non hanno firmato. Stessa situazione per il comparto medico, dove su 13 sigle sindacali hanno firmato solo in tre. In alcuni casi la firma è saltata per problemi tecnici, per gli altri rappresentanti sono i dubbi di fondo ad impedire di sottoscrivere la proposta della dirigenza. L'accordo sugli stipendi rimane quindi in sospeso: c'è tempo fino alla prossima settimana per firmare, la vertenza che coinvolge i 3500 dipendenti e i 21 centri della Fondazione Maugeri non si può ancora dire conclusa.