• Pavia:

Delitto Psyco Cafè, chiesti 30 anni per Albano

30 anni di carcere per Franco Albano, il 71enne reo confesso per l'omicidio dello Psyco Cafè di Vigevano. E' quanto ha chiesto oggi il pubblico ministero Paolo Mazza al termine dell'udienza del processo che si sta svolgendo a Pavia. Sulla richiesta del pm pesano le aggravanti delle sevizie e della crudeltà. Albano aveva accoltellato la convivente Tina Sicigniano, di 43 anni, con più di dieci coltellate la mattina di sabato 8 marzo 2014, proprio nel giorno della festa della donna. Un delitto passionale commesso al termine di una lite nel bar che la vittima gestiva assieme al suo assassino dall'ottobre del 2013. Stando alle testimonianze raccolte dagli investigatori nelle ore successive all'omicidio, la coppia negli ultimi tempi litigava sempre più spesso e sempre per motivi sentimentali: secondo la difesa però, era la vittima a tenere in stato di soggezione Albano, sottoposto qualche tempo prima ad un intervento chirurgico, che gli impediva anche avere rapporti con la compagna. L'avvocato Collivignarelli, legale del 71enne, aveva basato la sua linea difensiva sul delitto d’impeto, commesso dopo la rivelazione della convivente che avrebbe sbattuto in faccia ad Albano il suo amore per un altro. Oggi, come detto, la richiesta del pm e l'arringa della difesa. Per domani è prevista la sentenza.