• Pavia:

Merck, ci sono 4 potenziali acquirenti

Dopo la doccia fredda, arrivata con la notizia del fallimento della trattativa per la cessione dell'azienda al gruppo Zambon, per la Merck di Pavia si profilano ancora settimane di attesa: ma con qualche novità positiva. La società ha annunciato questa mattina ai sindacati che ci sarebbero 4 nuovi possibili acquirenti che nei prossimi giorni potrebbero presentare proposte concrete per rilevare il sito produttivo del capoluogo. L'obbiettivo è di chiudere la trattativa per metà marzo e definire gli aspetti economici e sindacali entro qualche mese. Una buona notizia che in parte aiuta a dimenticare la marcia indietro di Zambon, che aveva sottoscritto l'accordo preliminare il 29 agosto del 2014 salvo fare marcia indietro nel novembre dello stesso anno. Merck ha annunciato anche che -in attesa della definizione delle offerte- la chiusura delle attività produttive sarà prorogata al 30 giugno, l'attuale scadenza era fissata per il 30 marzo. Garantite quindi le produzioni e i posti di lavoro per i circa 180 lavoratori ancora impiegati in via Emilia, in cassa integrazione straordinaria da ottobre: con la speranza che, sottolineano i sindacati, il futuro acquirente dello stabilimento possa garantire i livelli occupazionali.